Blog

LA FORZA DELLE PAROLE # Aforismi


August 4, 2015 Aforismi e Linguaggio

 

L’aforisma non coincide mai con la verità: o è una mezza verità o è una verità e mezzo 

(Groucho Marx)

Gli aforismi sono la via più antica attraverso cui si è tramandata la scienza, e una delle vie più rapide attraverso cui si può indurre, in se stessi e negli altri, un cambiamento nel modo di percepire e reagire ai problemi. Alcuni autori più di altri sono riusciti a condensare il proprio pensiero in frasi brevi, incisive, sinuose che, con le parole di Voltaire, <<entrano nell’anima, come la luce negli occhi, con piacere e senza sforzo; come un vetro che protegge gli oggetti, ma al tempo stesso li lascia vedere>>.

Lungo l’arco della storia diverse penne famose si sono cimentate nella stesura di queste perle linguistiche. Ne sono un esempio le Massime del duca François de La Rochefoucauld, i Pensieri di Blaise Pascal, i Sillogismi dell’amarezza di Emil Cioran, lo Zibaldone di Giacomo Leopardi; e numerose case editrici si sono dedicate negli anni a raccogliere le frasi più suggestive di autori molti amati, come il filosofo del nichilismo Friedrich Nietzsche, del suo maestro Arthur Schopenhauer, le parole del fine rivelatore dei paradossi umani Oscar Wilde. Inoltre il pensiero dei filosofi più antichi è stato tramandato proprio attraverso aforismi e brevi frammenti dei loro discorsi; un esempio è la raccolta di Hermann Diels e Walther Kranz di tutti i detti, i frammenti e le perle di sapienza dei primi filosofi greci, dagli inizi fino ai Sofisti (VI-IV secolo a.C.).

In tutti i casi sopra citati, però, si tratta sempre di liste di aforismi raccolti per autore o per argomento. Non siamo stati abituati a pensare che gli aforismi possono invece essere raccolti e utilizzati in base all’effetto che ottengono. Come suggerisce Giorgio Nardone nel suo “Cambiare occhi toccare il cuore”, gli aforismi possono essere scritti o selezionati per ottenere 3 specifici effetti:

  1. Per sintonizzarsi sulle emozioni fondamentali su cui si strutturano i principali problemi degli esseri umani, ovvero il piacere, la paura, la rabbia e il dolore. Ad esempio, una persona che conosce molto bene cosa significa la paura, e la difficoltà di spiegare agli altri e a se stessa il motivo dei suoi timori, si sentirà compresa da chi gli dice: <<L’irrazionalità di una sensazione vince sempre sulla razionalità di una spiegazione>>.
  2. Per creare avversione verso le cose da cambiare ed enfasi nei confronti di quelle da amplificare, oppure stimolare la scoperta di alternative. Ad esempio, una persona che non riesce ad evitare di mettere in chiaro tutto ciò che ritiene scorretto negli altri, arrivando così inevitabilmente ad allontanarli, troverà calzante un aforisma come il seguente: <<Nell’acqua troppo pura nessun pesce sopravvive>>.
  3. Infine per far progredire nel cambiamento avvenuto, sostenendo e sospingendo ulteriormente verso la direzione intrapresa, amplificando le strategie funzionali messe in atto dal soggetto. Ad esempio è difficile non trovare illuminanti le parole di Aldus Huxley che suggerisce: <<La realtà non è ciò che ci accade, ma ciò che facciamo con quello che ci accade>>.

L’aforisma è una sorta di bomba linguistica che crea uno spartiacque, una separazione tra un prima e un dopo. Un aforisma calzante porta la persona a non poter più vedere le cose come le vedeva precedentemente. L’aforisma è una frase incisiva, un dardo infuocato che va dritto al cuore, aprendo improvvisamente nuovi scenari come una finestra che si spalanca nel buio.

 

 

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI SUGLI AFORISMI

Back to top