Lettere a Lucilio. Lucio A. Seneca

Seneca, L.A. (2018). Lettere a Lucilio. Milano: Mondadori

Laicità e profondità, astuzia ed etica: un manuale di istruzioni sulla complicata e affascinante arte del saper vivere. Scritto da un filosofo che ha incantato generazioni di giovani nel corso dei secoli con la sua scrittura densa e dritta all’obiettivo. Seneca parla dalla posizione di chi ha raggiunto i vertici della ricchezza e del potere (era senatore e consigliere dell’imperatore); questo lo rende ancora più autorevole quando parla della sua scelta di vivere godendosi l’essenziale, di pratica della sobrietà, di ottimizzazione di ogni singola ora della propria vita, di come godersi ogni giorno avendo sempre davanti a sé la propria fine. Vivere sapendo di morire può far diventare pazzi o saggi: Seneca è convinto che la seconda opzione sia praticabile. Suo è anche il De brevitate vitae, altra lettura che non posso non consigliare, in cui il filosofo suggerisce che non è vero che la vita è breve: è lunghissima, solo che diventa breve per chi la riempie di impegni totalmente vani. 

La mia citazione preferita è la seguente (è stato difficile sceglierla perché il libro è pieno di meravigliosi aforismi): “La saggezza sborsa, senza dilazione, tutte le ricchezze: rendendole inutili, essa le dona”.

Acquista su Amazon.